Il Mugello punta al “Distretto Rurale”

 

In campo Unione dei Comuni e Gal Start

 

Il Mugello ambisce a diventare “Distretto Rurale”. E per questo l'Unione dei Comuni sta preparando in collaborazione con il Gal Start tutto il necessario per la proposta di candidatura da presentare alla Regione Toscana.
Questa una delle principali scelte che l'Amministrazione ha fissato nel Bilancio di previsione 2018 dell'ente, approvato dal Consiglio con il voto favorevole del gruppo di maggioranza “Centrosinistra per l'Unione-Democratici e Socialisti”, quello d'astensione del gruppo “Insieme per il Mugello” e contrario del gruppo di Rifondazione comunista.
“Il nostro territorio è a forte vocazione rurale, può rivendicare realtà e produzioni rurali d’eccellenza - sottolinea il presidente dell'Unione dei Comuni del Mugello Paolo Omoboni -. E per valorizzarlo e valorizzarle ancora di più ci stiamo muovendo con il progetto di costituzione del ‘Distretto rurale’ in collaborazione col Gal Start, che sta curando lo studio di fattibilità. Il Chianti, ad esempio, è già stato riconosciuto dalla Regione. Vogliamo tentare questa strada anche noi - spiega il presidente Omoboni - perché crediamo di avere tutti i requisiti e le qualità per questo riconoscimento previsto dalla normativa regionale, che è finalizzato alla promozione, valorizzazione e sviluppo del tessuto rurale, agroalimentare, agroindustriale. Abbiamo filiere di qualità ed abbiamo eccellenze da vantare - conclude -, come produzioni e come produttori”.
II 'Distretto Rurale', come indica la Regione, è un soggetto che punta a valorizzare e sostenere le produzioni agricole locali, ad attrarre risorse ministeriali, ad intercettare finanziamenti per valorizzare e sostenere il settore agroalimentare e agroindustriale. Per lo sviluppo del territorio.
Intanto, prosegue il percorso partecipativo nell'ambito della redazione del Piano Strutturale Intercomunale del Mugello. Dopo i 6 tavoli tematici e il più recente incontro-intervista collettiva, adesso verranno condotte interviste mirate a soggetti e realtà rurali e produttivi locali. L'intento, come per i precedenti momenti di confronto, è “costruire un ritratto collettivo della qualità degli insediamenti del territorio dell’Unione dei Comuni del Mugello, in termini di potenzialità e criticità nel sistema dei servizi, delle risorse associative, sportive e culturali, che lo stesso esprime da un punto di vista territoriale e ad individuare alcune prime linee strategiche da inserire nel 'quadro conoscitivo' del Piano Strutturale”.

Ultimo aggiornamento: Mer, 14/03/2018 - 11:16