Immigrazione, se ne è discusso all'Unione dei Comuni

Pubblicato
Data di scadenza

 

In Consiglio, ordini del giorno dei consiglieri Ballini e Scarpelli

 

 

L'Italia si interroga sullo ius soli, e anche il Consiglio dell'Unione dei Comuni del Mugello si è occupato di recente del fenomeno migratorio trattando due ordini del giorno, uno presentato dal consigliere Michele Ballini e l'altro dal consigliere Claudio Scarpelli, sindaco di Firenzuola. Quello proposto dal consigliere Ballini era collegato alla campagna nazionale “Ero straniero-L'umanità che fa bene” finalizzata a promuovere “una legge di iniziativa popolare tesa al superamento della legge Bossi-Fini sull'immigrazione ed all'inclusione socio-lavorativa degli stranieri comunitari” prevedendo una serie di misure, tra cui, la regolarizzazione individuale degli stranieri “radicati”, l'inclusione attraverso il lavoro dei richiedenti asilo, l'uguaglianza nelle prestazioni di sicurezza sociale e accesso ai diritti di salute, la partecipazione alla vita democratica elettiva, l'abolizione del reato di clandestinità. L'atto, approvato dopo una lunga e articolata discussione, impegna il presidente e la giunta dei sindaci a “favorire iniziative di raccolta firme sul territorio mugellano”. L'emergenza migranti nel Mugello era l'oggetto dell'ordine del giorno presentato dal sindaco Scarpelli, che dopo una altrettanto articolata, e a tratti accesa, discussione è stato in gran parte emendato e successivamente approvato. L'atto impegna il presidente a pubblicare e aggiornare mensilmente sul sito dell'ente, per quanto di competenza e possibile, e compatibilmente con la normativa sulla privacy, una serie di informazioni e dati riguardanti i migranti assegnati al territorio e presenti, le strutture di accoglienza e le rispettive attività e gestioni, eventuali esenzioni o gli oneri relativi a servizi pubblici di trasporto, sanitari, scolastici.