In cammino, rispettando l'ambiente

Pubblicato
Data di scadenza

 

La raccomandazione: non disperdere rifiuti

 

 

Sono pervenute all'Ufficio Turismo dell'Unione dei Comuni del Mugello dal Cai Toscana segnalazioni di alcuni rifiuti gettati e abbandonati lungo sentieri trekking del territorio da qualcuno che di recente li ha attraversati, evidentemente con poco rispetto dell'ambiente e ignorando i divieti. Nel frattempo i rifiuti sono stati rimossi. Casi isolati al momento, ma comportamenti incivili come questi, ripetendosi, possono procurare danni all'ambiente e alla collettività, con l'ulteriore rischio di vanificare le attività di manutenzione e di promozione del territorio.
La raccomandazione, pressante, è quella di rispettare il patrimonio naturalistico che si vive e percorre tenendo con sé, in tasca o nel proprio zaino, gli eventuali rifiuti (ad esempio scarti di pasti, contenitori di bevande, involucri, cartacce) fino al primo cestino disponibile, non gettandoli per terra. E la raccomandazione si estende a piste ciclabili ed ecoturistiche, oltre a parchi e giardini pubblici, aree e spazi verdi.
Il territorio mugellano è frequentato assiduamente da escursionisti, turisti, appassionati della natura e dei viaggi da compiere a piedi. E del resto sono numerose le occasioni per un’immersione totale nella natura, dai sentieri facili per un cammino lento ad altri più impegnativi che richiedono esperienza e pratica. Ecco, allora, alcuni consigli pratici per un'escursione, accompagnati dalla raccomandazione di non disperdere eventuali rifiuti: scegliere un percorso adatto in base alla propria preparazione e studiarlo prima di partire, consultare le previsioni meteo, partire preferibilmente in compagnia, vestirsi a strati con abbigliamento tecnico (camicia e pantaloni lunghi per non ferirsi con i rovi, un cappello per proteggersi dal sole) e scarpe specifiche (scarponi o scarpe da trekking, assolutamente vietato e pericoloso partire con scarpe da ginnastica), portarsi uno zaino, acqua a sufficienza e qualcosa da mangiare, cellulare (possibilmente con batteria di riserva), oltre, ovviamente, a una cartina.